FEDERAZIONE DI RAVENNA

logosifedravenna

copertinasito

EVENTI 

COMUNICATI

OPINIONI

Presentazione di Liberi e Uguali
2018-01-26T20:00:00+01:00
2018-01-26T23:30:00+01:00
Circolo Il Tondo, via Lumagni 30 - Lugo (RA)
Circolo Il Tondo, via Lumagni 30 - Lugo (RA)
LIBERI E UGUALI si presenta in Bassa Romagna, tutti i cittadini sono invitati a partecipare.Venerdì 26 gennaio 2018 dalle ore 20.30 saremo al centro sociale "Il Tondo" in via Lumagni, 30 a Lugo (RA).Saranno con noi per un dibattito :Rossella Muroni - portavoce nazionale di Liberi e Uguali Vasco ErraniAndrea MaestriGiovanni PagliaPer chi lo desidera è possibile partecipare alla cena di autofinanziamento menù completo €20 (bevande incluse)per prenotazioni:389 8808973leubassaromagna@gmail.comVi aspettiamo
€0
sifederazioneravenna.it
Ambiente e Lavoro. Incontro con Rossella Muroni di LIBERI E UGUALI
2018-01-26T18:00:00+01:00
2018-01-26T20:30:00+01:00
hotel cube ravenna
hotel cube ravenna
Incontro pubblico sui temi dell'ambiente e del lavoro con Rossella Muroni, coordinatrice della campagna di Liberi e Uguali, già presidente nazionale di Legambiente."La prossima legislatura dovrà puntare sulle energie rinnovabili.Ripartire dal confronto con le comunità locali è una priorità per l’Italia, e dovrà esserlo per chi la governerà. Solo un attento dialogo con il territorio, infatti, può consentire lo sviluppo di cui il Paese ha bisogno, conciliare pienamente e tenere insieme le ragioni di innovazione, ambiente e lavoro, risolvendone le eventuali contraddizioni e scardinandone le contrapposizioni pretestuose. Un dialogo sano e maturo, di cui dobbiamo re-imparare la prassi, per costruire un Paese in cui stare tutti meglio.Un terreno che ben si presta a questo tipo di ragionamento è quello delle scelte energetiche, di cui è tristemente simbolica la vicenda della centrale solare termodinamica di Gonnosfanadiga in Sardegna, che non si farà. Un impianto tecnologicamente all’avanguardia definitivamente bocciato qualche giorno fa dal governo, e tenacemente avversato dal territorio. Considerati i modi in cui si è cercato di imporlo, in assenza totale di “débat public”, ognuno ha avuto le proprie ragioni da difendere.Peccato, però, che siano le rinnovabili, l’innovazione e il lavoro a pagarne lo scotto – con il rischio fondato che la società, italiana, sposti all’estero la propria tecnologia – mentre si approvano gli investimenti alla raffineria Eni di Taranto e la costruzione della centrale Snam di compressione del metano a Sulmona.Ecco, la Strategia Energetica Nazionale recentemente approvata, seppure in discontinuità con il passato, avrebbe potuto, anzi dovuto, “fare di più” per spingere le rinnovabili e indirizzare il Paese verso la sostenibilità. Chiudere le centrali a carbone entro 2025 e portare le rinnovabili a coprire il 55% dei consumi elettrici entro il 2030 è un buon segnale ma non basta.Oltre a fissare gli obiettivi occorre fornire ai territori, ai consumatori e alle piccole e medie imprese gli strumenti per realizzarli. E la legislatura che si sta chiudendo non ha approvato nessun provvedimento che aiuti l’autoproduzione da energie pulite e faciliti gli investimenti in questo senso.Parlare di energia significa parlare di un’idea di sviluppo. Grazie alle tecnologie già disponibili possiamo immaginare un futuro senza fossili: in cui si inquina meno, si contrastano le guerre del petrolio, si favorisce la cultura della pace e non si costringe mezzo continente africano a migrare verso nord per scappare dai mutamenti climatici e dalle guerre.La decarbonizzazione non è solo l’unica strada possibile per combattere i cambiamenti climatici, ma è anche una grande opportunità di modernizzazione e crescita del paese. C’è un futuro concretamente possibile fatto di case efficienti che autoproducono l’energia e la scambiano e di una mobilità sempre più elettrica e sostenibile. Un futuro in cui creare nuovo lavoro, nei numeri e nei contenuti. E l’Italia ha tutto l’interesse a essere in prima linea nella sfida della sostenibilità, con vantaggio per le imprese e per i cittadini." Rossella Muroni
€0
sifederazioneravenna.it
CAMBIAMO MUSICA assemblea aperta provinciale per la SINISTRA UNITA
2017-11-26T09:00:00+01:00
2017-11-26T13:00:00+01:00
HOTEL CUBE
HOTEL CUBE
Domenica 26 novembre saremo chiamati a partecipare ad un momento fondamentale nel percorso verso una lista unitaria della sinistra. Intendiamo costruire un progetto credibile, solido e autonomo, che punti a riconnettere sinistra e società, per ribaltare rapporti di forza sempre più favorevoli alla destra in tutte le sue articolazioni. Ci rivolgiamo a tutte le esperienze del civismo, a chi lavora quotidianamente nell’associazionismo, alle forze organizzate del mondo del lavoro, ma soprattutto a tutte le donne e gli uomini trascinati in basso dalla crisi, che hanno bisogno di una politica diversa per risollevarsi; ai tanti portatori di competenze che non trovano occasione per metterla in pratica, a coloro che ce l’hanno fatta ma non si rassegnano a una condizione diversa di tanti
€0
sifederazioneravenna.it
CONSUMO DI SUOLO. QUALE LEGGE URBANISTICA IN EMILIA-ROMAGNA?
2017-10-17T20:30:00+02:00
2017-10-17T23:00:00+02:00
Ravenna, Sala D'Attore, via Ponte Marino 2
Ravenna, Sala D'Attore, via Ponte Marino 2
Il contrasto al consumo di suolo annunciato e la logica nascosta nel Ddl regionale che assegna ai grandi interessi privati la pianificazione dei nostri territori.NE PARLIAMO CON:IGOR TARUFFI - Consigliere regionale di Sinistra ItalianaMASSIMO MANZOLI - Consigliere comunale di Ravenna in ComunePAOLA BONORA - Geografa presso l'Università di Bologna17 ottobre 2017 ore 20.30 a Ravenna, Sala D'Attore, via Ponte Marino, 2 TUTTI I CITTADINI SONO INVITATI A PARTECIPARE
€0
sifederazioneravenna.it
PERIFERIE TERRE FORTI
2017-06-06T20:30:00+02:00
2017-06-06T23:30:00+02:00
Alfonsine, palazzo marini, via roma
Alfonsine, palazzo marini, via roma
DOMANI SERATA ANTIMAFIA AD ALFONSINE il 6 giugno saremo al palazzo Marini di Alfonsine dalle 20.30 per:PERIFERIE TERRE FORTImafia-cemento.-appalti-grandi operedalla periferie è nata una lotta anche in Emilia RomagnaSerata di dibattito pubblico, insieme a Gaetano Alessi e Massimo Manzoli parleremo del libro "Periferie terre Forti" del sito "Mafie Sotto Casa" e dell’infiltrazione mafiosa nella nostra regione e più in generale come la Mafia sia a tutti gli effetti parte integrata del modello di sviluppo italiano. Analizzando le periferie del nostro Paese verificheremo come il filo nero mafioso lega tutti gli ambienti socio economici, e vedremo come dalle stesse periferie sta nascendo una resistenza che immagina un mondo migliore possibile.Tra gli ospiti della serata Enza Leggieri di Libera RavennaIntroduce ed intervista Luigi Iorio segretario di Sinistra Italiana Bassa Romagna.www.mafiesottocasa.comravenna@libera.it
€0
sifederazioneravenna.it
ARCIPELAGO JIHAD
2017-05-31T20:00:00+02:00
2017-05-31T23:00:00+02:00
Ravenna, dock 61
Ravenna, dock 61
Jihadismo: un universo complesso, esaminato attraverso l’analisi storica che intreccia la narrazione biografica dei maggiori leader che l’hanno caratterizzata (comandanti militari e pensatori che ne hanno ispirato l’ideologia). Un momento di dibattito per comprendere meglio la natura multipolare del terrorismo islamista. Vi aspettiamo questa sera.Bettina Chiadini
€0
sifederazioneravenna.it
NESSUN PAESE E' UN ISOLA. Presentazione del libro
2017-05-27T17:00:00+02:00
2017-05-27T20:30:00+02:00
Ravenna, Biblioteca Classense
Ravenna, Biblioteca Classense
La presentazione del libro di Stefano Catone "Nessun paese è un’isola" è "per persone che non si arrendono". Ci offre l’opportunità per affrontare, al netto di facili populismi, il tema delle migrazioni nel nostro paese. Nel lavoro dell’autore viene proposta un’analisi critica dei fenomeni migratori, analizzando le ragioni socioeconomiche che li generano. Vengono poi passati in rassegna i casi di buona integrazione. Un contributo alla comprensione delle tensioni sociali innescate dal fenomeno migratorio e all’approfondimento dei percorsi e dei modelli di integrazione più funzionali. Dialogheranno con l’autore i deputati Andrea Maestri di Possibile e Giovanni Paglia di Sinistra ItalianaSabato 27 maggio dalle ore 17:00 alle ore 20:30Biblioteca Classense - Via Baccarini, 3, 48121 Ravenna
€0
sifederazioneravenna.it
PERIFERIE TERRE FORTI 
2017-05-25T20:30:00+02:00
2017-05-25T23:00:00+02:00
Lugo. via provinciale bagnara 119
Lugo. via provinciale bagnara 119
SERATE ANTIMAFIA IN BASSA ROMAGNA, IN RICORDO DELLE STRAGI DEL 1992 DOVE PERSERO LA VITA GIOVANNI FALCONE, PAOLO BORSELLINO, FRANCESCA MORVILLO E GLI UOMINI E LE DONNE DELLA LORO SCORTA.comunicato stampaPERIFERIE TERRE FORTI mafia-cemento-appalti-grandi operedalla periferie è nata una lotta anche in Emilia RomagnaQuesto è il titolo del Tour Antimafia della Bassa Romagna che inizia giovedì 25 maggio ore 20.30 a Lugo presso la sala della consulta di Villa San Martino in via provinciale Bagnara,119Saranno serate di dibattito pubblico, insieme a Gaetano Alessi e gli altri ragazzi del sito "Mafie Sotto Casa" analizzeremo l’infiltrazione mafiosa nella nostra regione e più in generale come la Mafia sia a tutti gli effetti parte integrata del modello di sviluppo italiano. Vedremo come dalle periferie del nostro Paese, esempio di emarginazione del nostro sistema economico-sociale, sia nata una resistenza che lotta e immagina un futuro migliore. Faremo i collegamenti, che spesso nei dibattiti politici mancano, legando il filo nero mafioso a tutti gli ambienti socio economici. Tra gli ospiti anche Enza Leggieri di Libera.La data di Lugo è organizzata da: Sinistra Italiana Bassa Romagna, Sinistra Alternativa per Lugo e Rifondazione Comunista di Lugo/Villa San Martino.Prossima data il 6 giugno ad Alfonsine, Palazzo Marini 20.30Luigi IorioSegretarioSinistra Italiana Bassa Romagna
€0
sifederazioneravenna.it
IL LAVORO CHE MANCA
2017-05-19T20:30:00+02:00
2017-05-19T23:00:00+02:00
Ravenna, dock 61
Ravenna, dock 61
Il mercato del lavoro italiana dalla rigidità alla flessibilità:Le promesse fallite del neoliberismo;Società liquida e sfruttamento 4.0;Chi investe sulla Professionalità ?;Nuove tecnologie e impatto sui lavoratori;Le politiche del lavoro e il ruolo dell’Unione Europea;Come organizzare il lavoro dei più deboli ?;Ne parliamo con Milco Cassani della segreteria regionale della CGIL Emilia Romagna
€0
sifederazioneravenna.it
RAVENNA NELLA GLOBALIZZAZIONE
2017-05-12T20:30:00+02:00
2017-05-12T23:00:00+02:00
Ravenna, dock61
Ravenna, dock61
Breve storia dell’economia della provincia di Ravenna - Impresa pubblica, movimento cooperativo, impresa privata - Ravenna nel "Modello emiliano" - Il ruolo degli enti pubblici - Gli indicatori del mercato del lavoro - Le nuove sfide sociali - Le politiche per lo sviluppoNell’ambito degli appuntamenti del venerdì sera presso il circolo arci DOCK 61, via magazzini posteriori 61, Sinistra Italiana Ravenna promuove un ciclo di incontri su Europa, lavoro, welfare e beni comuni, con il prezioso contributo dell’economista Massimo D’Angelillo.Gli appuntamenti si rivolgono a tutti i cittadini interessati a comprendere e discutere i nodi economici e sociali del futuro e del presente, per un momento di approfondimento e riflessione anche sul nostro territorio.Per informazioni: bettina.chiadini@gmail.comVenerdì 12 maggio dalle ore 20:30 DOCK 61 - via magazzini posteriori, 61, Ravenna
€0
sifederazioneravenna.it
LA ROMAGNA NEL POZZO, SECONDA TAPPA : LUGO
2017-05-08T20:30:00+02:00
2017-05-08T23:00:00+02:00
Lugo, SALA DEL CARMINE
Lugo, SALA DEL CARMINE
Dibattito pubblico sul tema delle estrazioni di idrocarburi. Perché si investe in un settore che danneggia il territorio e le persone? Qual è il progetto di sviluppo per la nostra regione? Perché il potere politico locale e nazionale decide di abbracciare i petrolieri? Ne parliamo con:SERENA PELLEGRINODeputata di Sinistra Italiana, Vice pres. VII Commissione (Ambiente, Territorio, Lavori pubblici)IGOR TARUFFIConsigliere regionale di Sinistra ItalianaVALERIA RICCISinistra Italiana Bassa RomagnaLORENZO MANCINILegambiente RavennaTUTTI I CITTADINI POTRANNO INTERVENIRE.
€0
sifederazioneravenna.it
LO STATO PUO' PROTEGGERCI?
2017-04-28T20:30:00+02:00
2017-04-28T23:00:00+02:00
Ravenna, dock61
Ravenna, dock61
Breve storia dell'intervento pubblico in Italia - Dalla programmazione alla "visione corta" - Politiche pubbliche della domanda e dell'offerta - La gestione dei beni comuni - La crisi degli enti locali - Welfare e reddito di cittadinanza.Nell'ambito degli appuntamenti del venerdì sera presso il circolo arci DOCK 61, via magazzini posteriori 61, Sinistra Italiana Ravenna promuove un ciclo di incontri su Europa, lavoro, welfare e beni comuni, con il deputato diSinistra Italiana Giovanni Paglia e l'economista Massimo D'Angelillo Gli appuntamenti si rivolgono a tutti i cittadini interessati a comprendere e discutere i nodi economici e sociali del futuro e del presente, per un momento di approfondimento e riflessione anche sul nostro territorio.Venerdì 28 aprile dalle ore 20:30 DOCK 61 - via magazzini posteriori, 61, Ravenna
€0
sifederazioneravenna.it
FONDAZIONE DI SI BASSA ROMAGNA
2017-04-14T20:30:00+02:00
2017-04-14T23:00:00+02:00
Lugo,via di giù 8
Lugo,via di giù 8
Prima riunione degli iscritti a Sinistra Italiana del territorio della Bassa Romagna.La riunione ha lo scopo di fondare il circolo della Bassa Romagna, che agirà su tutto il territorio dell'Unione dei Comuni.Oltre ai tesserati sono ivitati tutti i cittadini. Sarà possibile inscriversi in loco.
€0
sifederazioneravenna.it
SIT-IN PACIFISTA DEL 14 APRILE A RAVENNA.
2017-04-14T17:30:00+02:00
2017-04-14T20:00:00+02:00
ravenna, via cavour, San Domenico
ravenna, via cavour, San Domenico
ADERIAMO AL SIT-IN PACIFISTA DEL 14 APRILE A RAVENNA.SINISTRA ITALIANA - FEDERAZIONE DI RAVENNAcomunicato stampa - Ravenna 12 aprile 2017SINISTRA ITALIANA ADERISCE AL SIT-IN PACIFISTA PROMOSSO DA: DONNE IN NERO, COMITATO IN DIFESA DELLA COSTITUZIONE DI RAVENNA, COORDINAMENTO PER LA PACE BAGNACAVALLO, CENTRO DI DOCUMENTAZIONE DON TONINO BELLO FAENZA.La federazione di Ravenna aderisce al sit-in del 14 aprile 2017 dalle ore 17.30 in via Cavour, sul sagrato della chiesa di San Domenico a Ravenna. Contestiamo la legge quadro 145 sulle missioni militari all’estero, dove con un cambio furbesco di parole la difesa della patria diventa difesa degli interessi vitali del Paese, in linea con gli interessi strategici dell’Occidente, cioè la NATO. Coerentemente con la nostra Costituzione crediamo che la guerra non può essere la soluzione ad ogni controversia, la storia ci insegna che "l’esportazione armata della democrazia" ha fallito. Il disagio sociale in Italia e all’estero aumenta e la risposta non può essere un folle incremento delle spese militari imposto dalla NATO (da 64 milioni al giorno a 100 milioni al giorno). Saremo in strada per la Pace, per dire "NON IN NOSTRO NOME".Sinistra Italiana - Federazione di Ravenna
€0
sifederazioneravenna.it
L'EURO E IL SUO FUTURO
2017-03-31T20:30:00+02:00
2017-03-31T23:00:00+02:00
Ravenna, dock61
Ravenna, dock61
La costruzione dell'Europa - Il ruolo dominante della Germania - Le regole di Maastricht - Il Fiscal compact L'impatto dell'Euro su un paese differenziato come l'Italia - Euro: fu un passo azzardato?Nell'ambito degli appuntamenti del venerdì sera presso il circolo arci DOCK 61, via magazzini posteriori 61, Sinistra Italiana Ravenna promuove un ciclo di incontri su Europa, lavoro, welfare e beni comuni, con il deputato diSinistra Italiana Giovanni Paglia e l'economista Massimo D'Angelillo Gli appuntamenti si rivolgono a tutti i cittadini interessati a comprendere e discutere i nodi economici e sociali del futuro e del presente, per un momento di approfondimento e riflessione anche sul nostro territorio. I prossimi incontri : -IL LAVORO CHE MANCA - 7 APRILE Il mercato del lavoro italiano dalla rigidità alla flessibilità - Le promesse fallite del neoliberismo - Società liquida e sfruttamento 4.0 - Chi investe sulla professionalità? - Nuove tecnologie e impatto sui lavoratori - Le politiche del lavoro e il ruolo della Unione Europea - Come organizzare il lavoro dei più deboli?-IL RUOLO DEL PUBBLICO: LO STATO PUO' PROTEGGERCI - 28 APRILE Breve storia dell'intervento pubblico in Italia - Dalla programmazione alla "visione corta" - Politiche pubbliche della domanda e dell'offerta - La gestione dei beni comuni - La crisi degli enti locali - Welfare e reddito di cittadinanza.-RAVENNA NELLA GLOBALIZZAZIONE - 12 MAGGIO Breve storia dell'economia della provincia di Ravenna - Impresa pubblica, movimento cooperativo, impresa privata - Ravenna nel "Modello emiliano" - Il ruolo degli enti pubblici - Gli indicatori del mercato del lavoro - Le nuove sfide sociali - Le politiche per lo sviluppo.La partecipazione è aperta a tutti. Per informazioni: bettina.chiadini@gmail.comVenerdì 31 marzo dalle ore 20:30 alle ore 23:30DOCK 61- via magazzini posteriori, 61, Ravenna
€0
sifederazioneravenna.it
LA ROMAGNA NEL POZZO
2017-03-23T20:45:00+01:00
2017-03-23T23:00:00+01:00
Bagnacavallo, piazza della libertà 25
Bagnacavallo, piazza della libertà 25
LA ROMAGNA NEL POZZO.Giovedi 23 marzo Piazza della Libertà, 25 - BagnacavalloSerata con dibattito sul tema dei progetti di estrazione idrocarburi, il presente e il futuro della provincia di Ravenna, e dell’Emilia Romagna, circondata dai pozzi.INTERVERANNO:VALERIA RICCIEx-assessora Comune di Lugo, Sinistra ItalianaEDWARD JAN NECKIConsigliere comunale, L’Altra FaenzaSEGUE DIBATTITO PUBBLICO E CONCLUSIONE DI:SERENA PELLEGRINODeputata di Sinistra ItalianaVice presidente VII Commissione(Ambiente, Territorio, Lavori pubblici)Interverrà un rappresentante di Ravenna in Comune
€0
sifederazioneravenna.it

ADDIO GIANFRANCO

20/10/2017, 19:33

ADDIO-GIANFRANCO

di SI Bassa Romagna

UN PADIGLIONE NUOVO PER UN’OSPEDALE CHIUSO. - di Valeria Ricci SI Federazione Ravenna

17/10/2017, 17:24

UN-PADIGLIONE-NUOVO-PER-UN’OSPEDALE-CHIUSO.----di-Valeria-Ricci-SI-Federazione-Ravenna

di Valeria Ricci SI Federazione Ravenna

CONSUMO DI SUOLO, QUALE LEGGE URBANISTICA IN EMILIA-ROMAGNA? - comunicato stampa

10/10/2017, 20:50

CONSUMO-DI-SUOLO,-QUALE-LEGGE-URBANISTICA-IN-EMILIA-ROMAGNA?----comunicato-stampaCONSUMO-DI-SUOLO,-QUALE-LEGGE-URBANISTICA-IN-EMILIA-ROMAGNA?----comunicato-stampa

di SI Federazione Ravenna

ADDIO GIANFRANCO

20/10/2017, 19:33

ADDIO-GIANFRANCO

di SI Bassa Romagna

UN PADIGLIONE NUOVO PER UN’OSPEDALE CHIUSO. - di Valeria Ricci SI Federazione Ravenna

17/10/2017, 17:24

UN-PADIGLIONE-NUOVO-PER-UN’OSPEDALE-CHIUSO.----di-Valeria-Ricci-SI-Federazione-Ravenna

di Valeria Ricci SI Federazione Ravenna

CONSUMO DI SUOLO, QUALE LEGGE URBANISTICA IN EMILIA-ROMAGNA? - comunicato stampa

10/10/2017, 20:50

CONSUMO-DI-SUOLO,-QUALE-LEGGE-URBANISTICA-IN-EMILIA-ROMAGNA?----comunicato-stampaCONSUMO-DI-SUOLO,-QUALE-LEGGE-URBANISTICA-IN-EMILIA-ROMAGNA?----comunicato-stampa

di SI Federazione Ravenna

20/10/2017, 19:33

gianfranco,camerini,



ADDIO-GIANFRANCO


 di SI Bassa Romagna



Il Circolo di Sinistra Italiana Bassa Romagna porge le più sentite condoglianze alla famiglia di Gianfranco Camerini. L’improvvisa scomparsa di Gianfranco ci ha lasciato senza parole, mancherà a noi e a Lugo una persona e un professionista come Gianfranco. L’amore e la passione per informare le persone che Gianfranco metteva per il suo lavoro non lo dimenticheremo.

Luigi Iorio
Sinistra Italiana Bassa Romagna
17/10/2017, 17:24

ospedale,lugo,tagli,chiusura,sanit



UN-PADIGLIONE-NUOVO-PER-UN’OSPEDALE-CHIUSO.----di-Valeria-Ricci-SI-Federazione-Ravenna


 di Valeria Ricci SI Federazione Ravenna



Anche a Lugo, come nel resto della provincia e della penisola, itagli alla sanità colpiranno gli ospedali, la tecnica della ristrutturazione, applicataa molti ospedali poi chiusi, funge da distrazione per i cittadini.  

Apprendiamo dai giornali che il progettoper la ristrutturazione del padiglione D dell’ospedale di Lugo ha ripreso ilsuo iter con grande entusiasmo degli amministratori della Bassa Romagna.  

Peccato che dal 2011 ad oggi sono statitolti o depotenziati i reparti con specialistiche chirurgiche (Es: Traumatologia, cardiologia U.T.I.C.,chirurgia, otorino e medicina generale) perrimpiazzarli oggi con alcuni ambulatori diagnostici e day hospital. Non cisarebbe nulla di male nella ristrutturazione del padiglione, se non fosse che inquesto progetto fenomenale non si fa assolutamente menzione di un ritorno dellachirurgia generale né di un potenziamento di ostetricia, la quale invece èstata trasferita con pediatria nel padiglione A, senza ripristinare i partiprogrammati e l’epidurale. Al momento non si vede neppure una promessa dinomina dei primari per i reparti rimasti sprovvisti.  

Dulcis in fundo si annuncia la granderiorganizzazione (o ristrutturazione estetica?) del pronto soccorso, per unamaggiore "funzionalità" e tempi di degenza più brevi.  
Le domande che poniamo a questo puntosono: 
Come si fa a riorganizzare un reparto chenon ha un primario dal 2015? 
Come si danno ai cittadini maggioriservizi, in tempi più brevi, senza aumentare letti, medici, infermieri, operatori socio sanitari epersonale tecnico?  

Insomma a Lugo, come nel resto dellapenisola, si sta attuando la solita tecnica della ristrutturazione degli ospedalicome specchietto per le allodole con lo scopo di mascherarne lo svuotamento da qualsiasicompetenza specialistica o terapeutica, per citare solo i casi presenti nellanostra regione possiamo ricordare il trattamento riservato all’ospedale diFaenza, a quello di Imola, al Bufalini di Cesena o all’ospedale di Vergato e a quellodi Modena.   

Uno svuotamento che costringe i cittadinia rivolgersi ad ospedali sempre più lontani dalle città di provenienza o allasanità privata. 

L’ultima domanda che ci poniamo è: ilDott. Tonini dove ha preso il dato citato dai giornali, per il quale il 90,5% deicittadini ha scelto di curarsi nelle strutture ospedaliere pubbliche dellaRomagna? E in quali strutture si sono diretti? Certamente non all’ospedale diLugo visto lo smantellamento sistematico di tutti i reparti specialistici perpoi trasferirli a Ravenna.   

Valeria Ricci 
Sinistra Italiana 
Federazione di Ravenna
10/10/2017, 20:50

urbanistica,emilia romagna,cementificazione



CONSUMO-DI-SUOLO,-QUALE-LEGGE-URBANISTICA-IN-EMILIA-ROMAGNA?----comunicato-stampa
CONSUMO-DI-SUOLO,-QUALE-LEGGE-URBANISTICA-IN-EMILIA-ROMAGNA?----comunicato-stampa


 di SI Federazione Ravenna



Ravenna 9 ottobre 2017  - comunicato stampa

CONSUMODI SUOLO, QUALE LEGGE URBANISTICA IN EMILIA-ROMAGNA? Ilcontrasto al consumo di suolo annunciato e la logica nascosta nel Ddl regionaleche assegna ai grandi interessi privati la pianificazione dei nostri territori.  

Il 17 ottobre 2017 a Ravenna alle ore 20.30presso la Sala D’Attorre in via Ponte Marino 2, Sinistra Italiana Federazionedi Ravenna, in collaborazione con il gruppo consiliare di Ravenna in Comune,organizza una serata di dibattito e informazione sulla nuova legge urbanisticache è in approvazione nella nostra regione.  

La legge scritta dalla giunta Bonaccini, vienefatta passare come la soluzione finale al consumo di suolo, fenomeno che sidovrebbe interrompere con l’approvazione di questa legge. Purtroppo "consumo disuolo zero" e "rigenerazione urbana" sono solo dei titoli vuoti, la realtà èche, grazie ai soliti giochi di parole e di numeri, le deroghe alla legge sonotalmente ampie da garantire, ai soliti gruppi di potere del settore edile,colate di cemento nei nostri territori.  

Un territorio, in mano al mercato e alla liberacementificazione, subirà un peggioramento del dissesto idrogeologico, veraemergenza in Italia, si elimineranno aree verdi ed agricole, quindi danneggiandoanche un settore cardine e di eccellenza come quello agroalimentare.   

Tra i punti che riteniamo critici della leggecitiamo: 

 -       L’Art. 32, c. 4 che vieterà ai P.U.G.(Piano Urbanistico Generale) dei comuni Emiliano-Romagnoli la capacità edificatoria.Per l’ennesima volta ai comuni e agli amministratori verrà di fatto sottrattoogni potere decisionale riguardo lo sviluppo edilizio delle nostre città, avantaggio della speculazione edilizia e finanziaria privata;    

-       Nuovi Accordi Operativi, che sostituiranno ilPiano Urbanistico Operativo e Attuativo. Questi accordi limitano i poteri deicomuni, consentiranno ai privati, che presenteranno i progetti, di "disegnaredi fatto le città". Non si potrà sapere quanto e dove sorgeranno le nuovestrutture residenziali e produttive e, ancor peggio, le aree destinate aiservizi. Noti e stimati urbanisti denunciano la pericolosità dei Nuovi AccordiOperativi;     

-       Lo sbarramento al 3% di consumo di suolo.Nonostante la propaganda sui mezzi di informazione questa legge non riduce ilcemento. Con le deroghe alla legge non solo l’obiettivo del 3% suddetto non sirispetterà, ma potremmo arrivare a sfiorare il 10% di consumo reale del suolo,allontanando l’obbiettivo del consumo di suolo "zero" imposto dall’UnioneEuropea.   

Discuteremo di questo e di altri dettagli dellalegge e parleremo delle nostre proposte con:  

Igor Taruffi, consigliere regionale di SinistraItaliana; 
Massimo Manzoli, consigliere comunale diRavenna in Comune; 
Paola Bonora, geografa presso l’Università diBologna   

Tutti i cittadini sono invitati a partecipare.   

SinistraItaliana
Federazione di Ravenna 


13419

CONTATTI

Sede : Via magazzini posteriori, 61

            Ravenna


​Contatti: segreteria@sifederazioneravenna.it

Artboard132x
logosiregionale

Web Design: www.luigiiorio.it

Create a website